Vivere lo stato di diritto: Una lezione per i sostenitori di Trump


Sharing is caring!

Image for post

Articolo tradotto, leggi l’originale sul blog dell’Autore.

Dietro la lotta legale e mediatica di Donald J. Trump per il conteggio dei voti c’è la rappresentazione della politica non come il luogo dove la libertà, la democrazia e gli interessi collettivi dovrebbero prevalere sulla discrezione, l’arbitrarietà e la corruzione, ma dove i prepotenti vincono sempre, dove ciò che conta è la contingenza e non una visione, e dove la legge del singolo, e non lo Stato di diritto, è il principio che guida la vita di milioni di persone.

Da Platone e Aristotele alla rivoluzione americana, per centinaia di anni filosofi, avvocati e politici hanno riflettuto su come opporsi ad una tirannia e al regime corrotto che la caratterizza. La risposta sta nello stato di diritto. L’idea è che nessuno, nemmeno quelli al potere, sono esenti dal rispetto della legge. La legge, non l’uomo, governa la vita e ne determina il destino. Questo principio si riflette molto nelle poche parole di Platone tratte da Le Leggi (Νόμοι), dove lo straniero ateniese sosteneva che gli dei sorridono solo alle città la cui legge “è despota dei governanti e i governanti sono schiavi della legge”. In Politica (Τὰ πολιτιϰά), Aristotele ha scavato più a fondo in questa frase di Platone opponendo il dominio della legge al dominio dell’uomo come corrispondente alla dicotomia ragione contro desiderio, rispecchiando il fatto che “la capacità di passione non è presente nelle leggi, ma ogni anima umana necessariamente ce l’ha”.

Quando Trump e i suoi sostenitori sostengono che il conteggio dei voti dovrebbe essere fermato in uno Stato ma continuare in un altro, invocano la forza del dominio dell’uomo, che la vedono come coincidente con i loro interessi politici di spicco, piuttosto che sullo stato di diritto incarnato nei regolamenti e nelle procedure elettorali. La pretesa del loro desiderio di vincere è più importante dei voti di alcuni loro pari. Essi credono che le vittorie politiche e l’accaparramento del potere siano legittimi solo quando sono loro a doverne beneficiare e che gli avversari politici siano nemici senza alcun diritto nell’arena politica. Disprezzano la democrazia al punto da sostenere l’idea che una persona possa ricoprire la carica più potente del mondo per un intero mandato senza la necessità di verificare la propria legittimità democratica fino all’ultimo voto.

Sappiamo molto bene cosa è successo qui. Secondo Business Insider,

[…] Il vantaggio iniziale di Trump negli Stati in cui vuole che il conteggio dei voti si fermi, si è notevolmente ridotto o è stato superato dal candidato democratico alla presidenza Joe Biden. Mercoledì pomeriggio, Biden ha vinto il Michigan […] e altre importanti testate giornalistiche.
Mercoledì, i manifestanti che sostenevano la vittoria hanno cantato “Stop the count!” fuori da un centro di conteggio dei voti a Detroit, Michigan. Nel frattempo, altri manifestanti che sostenevano Trump-supporting hanno gridato “Count that vote!” fuori da un centro di conteggio dei voti a Maricopa County, Arizona.
In Michigan e Pennsylvania, la campagna di Trump chiede un accesso “significativo” al processo di conteggio dei voti, sostenendo che non ha mezzi sufficienti per controllare il conteggio dei voti e controllare le schede che sono state contate.

È chiaro che chiedere di contare tutti i voti non è solo un esercizio di democrazia, ma è il riconoscimento dell’importanza di essere uguali di fronte la legge. Sostenere che il centro di conteggio di Detroit dovrebbe smettere di contare mentre chiedere di continuare a contare nella contea di Maricopa significa attribuire un peso diverso ai cittadini dei primi rispetto a quelli dei secondi, dividendo il corpo elettorale in classi con diritti politici diversi. Questo può avere senso solo in un mondo in cui il governo obbedisce alla legge dell’uomo e non allo stato di diritto, in cui il Presidente in carica decide quali voti vale la pena prendere in considerazione e quali no, e in cui la maggioranza al potere ha il diritto di ignorare e persino di schiacciare qualsiasi minoranza che non gli piaccia. Non c’è bisogno di essere un avvocato costituzionale per vedere quanto questo sia sconvolgente per la parità di trattamento di tutti i cittadini, e quanto sia sovversivo per l’attuale assetto costituzionale e giuridico americano.

Image for post

La nomina del giudice della Corte Suprema Amy Coney Barrett è anche una grande rappresentazione dell’accaparramento di potere da parte dei leader che detestano la democrazia e lo stato di diritto. Amy Corey Barrett è stata nominata non perché sia brava in legge (è “la persona più inesperta nominata alla Corte Suprema dal 1991”; inoltre, chi dice “preferenze sessuali” nel 2020?, andiamo), ma perché i suoi valori sono allineati a quelli dei sostenitori del presidente Trump: anti-aborto, anti-LGBT, pro-religione, capitalismo pro-finanziario. Questo va benissimo in un Paese governato dallo Stato di diritto, ma diventa una posizione assolutamente ridicola quando le stesse persone al potere sostengono implicitamente che nominare un nuovo giudice della Corte Suprema durante l’ultimo anno del mandato presidenziale va bene per loro, ma sbagliato se la persona nominata è sostenuta dai loro avversari politici e il presidente in carica è un democratico.

Sane argomentazioni costituzionali non possono diventare una pratica solo per le persone al potere e non per gli altri, questo è l’arbitrio al suo apice.
Ragione contro desiderio, ricordate Aristotele?

La dinamica del conteggio dei voti ci insegna un punto importante sullo stato di diritto: le leggi servono non solo a coloro che le amano come mezzo di ragione, ma anche a coloro che le disprezzano in quanto inutili e, in ultima analisi, dannose. I leader populisti come Trump e i loro sostenitori hanno una concezione molto precisa della legge come strumento che serve gli interessi di coloro che sono al potere e si dimenticano di tutto il resto. Usare i libri di legge per intimidire, reprimere e sopprimere non è un problema per loro, perché non vedono limiti ai loro poteri una volta che gli è stato dato molto.

Il problema è che questi leader hanno accesso al potere attraverso elezioni democratiche tanto quanto chiunque altro. Troppo spesso biasimiamo il sistema politico e giuridico con i suoi meccanismi imperfetti, antiquati e persino arrugginiti, disonorando lo stato di diritto per aver permesso a gruppi sovversivi di prendere il sopravvento. Quando considereremo che sono proprio questi leader e i loro sostenitori che dovremmo ritenere responsabili delle loro azioni e dichiarazioni spregevoli? Dovremmo gridarlo ad alta voce: non va bene dire di fermare il conteggio in uno stato e dire di continuare il conteggio in un altro! È contro la democrazia, ed è per questo che questa visione non dovrebbe prevalere. È lo stato dell’uomo contro lo stato di diritto.

È una fortuna che viviamo in quest’ultimo.

Scritto da

Matteo Winkler

Docente di Diritto Internazionale, HEC Paris

_________

Traduzione: Staff IMESI

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *