Gaza: “Una cicatrice perenne”, la testimonianza di Muhammed


Sharing is caring!

A ball of fire rises from an explosion on al-Zafer apartment tower following an Israeli air strike in Gaza City, in the northern Gaza Strip, Aug. 23, 2014.

To read the English version of the article click here

Sullo scrittore:
Muhammed Nijim
Sono nato e cresciuto nella Striscia di Gaza, in Palestina. Ho vissuto in quella enclave per vent’anni e una volta che l’ho lasciata, ho deciso di consegnare le sofferenze del suo popolo e diffondere la verità nel mondo esterno per guadagnare la sua simpatia e il suo sostegno. Ciò è emerso dalla convinzione che il nostro conflitto con l’occupazione israeliana non possa essere risolto con le armi, ma attraverso l’aumento della sensibilizzazione. Al momento studio Sociologia all’Università Marmara di Istanbul. Aspiro a costruire un dibattito intellettuale che aiuti a correggere i malintesi sui palestinesi e offra un quadro vivido della loro vita quotidiana, cosa che rimarrà una delle mie principali responsabilità.

Gaza: “Una cicatrice perenne”
la testimonianza di Muhammed

Tre  anni  fa,  il  10  luglio,  ho  vissuto  uno  dei  giorni  più  terribili   della  mia  vita,  il  giorno  in  cui  ho  perso,  una  volta  per  tutte,  il   mio  equilibrio.   Non  posso  dimenticare  quella  spaventosa  notte  in  cui  mi   trovavo  nel  mio appartamento  con  i  miei  coinquilini   Palestinesi,  seduti  nella  stessa  stanza  per  seguire  le  notizie  che  giungevano  veloci  dal  cuore  di  continue  offensive  sulle  nostre   famiglie  e  sulla  gente  nella  Striscia  di  Gaza dove  l’esercito israeliano  stava  testando  le  proprie  armi  fatali  pronte  ad   uccidere  inumanamente  ed indiscriminatamente.    

In  quella  stanza  eravamo  in  cinque,  tutti  noi  provenienti  da   Gaza  e  con  famiglie verso  le  quali  si  innalzavano  tutti  i  nostri   pensieri  e  le  nostre  preoccupazioni. Mai  come  prima  abbiamo  provato cosi  tanto  orrore  e  paura   che  un  membro  delle  nostre  famiglie  venisse  ferito  o  ucciso  dai   bombardamenti e  dai  colpi  di  artiglieria  che  non  facevano   alcuna  distinzione  tra  bambini  e  donne,  civili  o  combattenti. Tutto  quello  di  cui  si  preoccupavano  era  seminare  più  morte   possibile. Ognuno  di  noi  controllava  pagine  di  notizie  diverse  con  lo   scopo  di  raccogliere  più  informazioni  possibili,  sia  Facebook   che  notiziari  web.  Riesco  ancora  a  ricordare  quei  momenti   critici  fino  a  quel  preciso  istante,  dove  la  paura  raggiunse   livelli  inimmaginabili  e  senza  precedenti.  Le  nostre  famiglie   sono  sotto  minaccia  di  morte,  morte  dall’infinita  amarezza  che   nessuno  di  noi  è  pronto  ad  accettare,  specialmente  quando  sei   da  anni  lontano  dalla  tua  famiglia.  

Le  notizie  che  scorrevano erano  atroci  e  mortali:  Amico  1:  “Allarme,  gli  aerei  militari   israeliti  hanno  puntato un  palazzo  di  sei  piani,  una  dozzina  di   persone  sono  state  uccise  e  altre  ancora  sono  disperse  sotto  le   macerie”  ,  Amico  2:  “Attacco  di  una  motocicletta  in  via  Al-­‐Jalaa   nel  pieno  centro  della  città  di  Gaza”,    Amico  3:  “ci  sono  alcune   notizie  circa  un  possibile  attacco  di  terra  da  parte  delle  truppe   israelite  provenienti  da  est,  ai  confini  con  l’area  di  Al-­‐Shujaiya”.   Amico  4:  “non  riesco  a  rintracciare  la  mia  famiglia  al  telefono,   temo  davvero  siano  feriti.”    

Ad  un  tratto,  mentre  ero  assorto  dalle  notizie  che  leggevo,  un   mio  amico  disse  piangendo:  “Muhammed,  hanno  colpito  la   famiglia  di  Nijim  ad  Al-­‐Nuserirat  nello  stesso  campo  per   rifugiati  dove  si  trova  la  mia  famiglia”. Improvvisamente  mi  ritrovai  in  uno  stato  di  profonda  ansia  e   paura  che  mi  assalì  completamente.  Iniziai  a  tremare  senza   neppure  rendermene  conto.  Sentivo  perfino  che  non  ero  più   capace  di  toccare  la  tastiera  o  di  fare  un  passo  in  avanti  coi   piedi.  Ho  iniziato  a  fare  chiamate  a  raffica  per  rassicurarmi  che   nessun  membro  della  mia  famiglia  fosse  ferito.  Nonostante  i   numerosi  tentativi,  nessuno  rispose.  Subito  dopo,  mi  ricordai   di  un’amica  che  solitamente  è  online  su  facebook,  la  chiamai   immediatamente,  le  chiesi  di  contattare  la  mia  famiglia  e   verificare  se  stessero  bene.  Lei  lo  fece  e  mi  rassicurò.    Mi  sono   sentito  fortunato  perché  stavano  bene,  almeno  in  quel   momento.     Un  paio  di  ore  dopo,  trovai  una  notizia  di  un  nuovo  attacco  alla   casa  della  famiglia  Al-­‐Nawasra  nel  campo  per  rifugiati  di  Al-­‐ Maghazi.

Immediatamente  ebbi  la  strana  sensazione  che   qualcosa  di  terribile  era  appena  accaduto.   Mia  sorella  Aisha  era  sposata  con  Salah  che  appartiene  alla   famiglia  di  Al-­‐Nawasra  ed  entrambi  vivono  nello  stesso edificio  che  era  appena  stato  bombardato.  Quello  stesso   giorno,  “ad  Istanbul”  c’era  il  Ramadan  e  ricevetti  da  parte  i  un   amico  un  invito  per  partecipare  all’  Iftar  e  non  volevo   assolutamente  deluderlo.  Infatti,  mi  imposi  di  pensare  positivo   e  di  non  lasciarmi  andare  ai  brutti  pensieri  nonostante  la   terribile  situazione  e  gli  eventi  nella  mia  città,  cosi  come  i   terribili  momenti  vissuti  nei  giorni  precedenti.  Non  c’è  nulla   che  posso  fare  se  non  pensare  positivo  ed  essere  ottimista   almeno  per  qualche  ora  per  godermi  il  mio  Iftar  normalmente   e  tornare  poi  nel  mio  appartamento.   Uscii  dalla  casa  ma  non  riuscii  ad  arrivare  al  luogo  dell’Iftar.  

Lungo  la  strada,  mi  arrivò  una  telefonata  dalla  Palestina  e   sapevo  fosse  esattamente  quello  che  temevo. Esitai  nel   rispondere,  sentivo  di  non  avere  la  forza  di  premere  il   pulsante  per  farlo  perché  non  ero  mai pronto  a  sentirmelo   dire,  non  lo  sono  davvero.  Era  mia  madre,  stava  piangendo.   “Aisha  è  morta, Muhammed!”,  “Aspetta,  fammi   ricomporre…dovrei  risentirlo,  mi  voglio  convincere  del  fatto   che  tutto  questo non  è  vero.  Sei  seria,  mamma?  Abbiamo   parlato  giusto  ieri  quando  lei  era  venuta  a  fare  visita  a  casa   nostra  con  suo  marito.  Non  posso  credere  che  non  potremo   più  parlare,  ti  prego…  non  è  morta.  Mi  ha detto  al  telefono  che   le  manco  e  io  le  ho  espresso  a  mia  volta  tutta  la  mia   gratitudine  e  amore  nei  suoi confronti.  Perché  le  hai  permesso   di  tornare  a  casa  sua,  sai  che  non  è  un  posto  sicuro,  sarebbe   dovuta rimanere  a  casa  nostra  ieri  notte”.  “Non  possiamo   cambiare  il  destino.  Era  bellissima,  figlio  mio.  Più  bella del   solito  perché  ci  stava  dicendo  arrivederci  con  la  sua  visita  di   addio.”   Abbassai  il  telefono  e  scoppiai  a piangere  in  pubblico,  come  un   bambino  al  quale  è  appena  stata  fatta  un’iniezione  senza  pietà.  

Due  miei  amici  mi  stavano  accompagnando  all’Iftar.  Cercavano   di  consolarmi  e  farmi  calmare  ma  non  potevano  fare  nulla  se   non  guardarmi  piangere. Piangere  in  queste  circostanze  è  la  maniera  più  sciocca  di   sfogare  il  proprio  dolore.  Avrei  voluto  urlare  forte  affinché   l’intero  pianeta  sapesse  quanto  fosse  terribilmente  ingiusto  ed   intollerabile  quello  che  stava  succedendo  lì.  Ma..hey,  aspetta!   Il  tacito  mondo  non  ha  proferito  parola  su  quanto  accaduto   durante  i  due  precedenti  attacchi  nella  Striscia  di  Gaza,  credo   di  non  avere  più  nessuna  speranza  o  fiducia  nei  suoi  confronti.   Dubito  che  questa  volta  fermeranno  le  barbarie  e  l’arroganza   contro  gli  innocenti  Palestinesi.  

Nel  massacro  della  famiglia  di  Al-­‐Nawasra,  cinque  anime   innocenti  vennero  uccise  a  sangue  freddo,  cosi  come  altre   centinaia  uccise  nella  stessa  maniera. Aisha  è  stata  uccisa  col  suo  bambino  in  grembo,  lo  stesso   bambino  che  avrebbe  fortemente  voluto  vedere  specialmente   dopo  tutte  le  difficoltà  riscontrate  nel  restare  incinta.   Salah,  il  quale  stava  dormendo  beatamente  nella  sua  stanza,  è   scomparso  per  sempre  insieme  ai  suoi  due  nipotini  che   avevano  solo  due  e  quattro  anni. Nonostante  il  fatto  che  il  corpo  di  Aisha  era  irriconoscibile  a   causa  del  pesante  bombardamento,  volevo  partecipare  al  suo   funerale  per  potere  almeno  respirare  il  suo  profumo  e   sussurrarle  addio  all’orecchio.  Non  ho  potuto,  sono  stato   privato  dal  potere  vedere  mia  sorella  defunta  per  l’ultima   volta  nella  mia  vita  a  causa  della  chiusura  continua  e   ingiustificata  del  confine  Rafah:  “l’unico  passaggio  per  gli   abitanti  di  Gaza  verso  il  mondo  esterno”.  

Nell’ operazione  “Protective  Edge”  che  l’esercito  israelita  ha   condotto  a  Gaza,  circa  2000  persone  sono  state  uccise,  la   maggior  parte  delle  quali  erano  bambini  civili  o  donne  che   nulla  avevano  a  che  fare  con  Israele  ed  il  suo  “esercito  morale”.   La  loro  unica  colpa  era  essere  involontariamente  abitanti  di   Gaza.  Il  mondo  deve  sapere  che  Aisha  è  stata  uccisa  senza   motivo.  Deve  sapere  che    le  persone  uccise  in  ogni  guerra  non   sono  numeri.  Sono  persone  come  me  e  te,  hanno  sogni,   aspirazioni,  email  lasciate  a  metà  nelle  bozze  delle  loro  caselle   postali,  erano  persone  normali  come  tutti noi e avevano il pieno diritto di vivere in pace e con dignità.

Questa è una immagine originale scattata nelle ore immediatamente successive al bombardamento descritto in questa testimonianza.

Articolo tradotto da Alessandra Falzone


Ho conosciuto Muhammed a fine Aprile di quest’anno, durante un mio viaggio in Turchia. Lui è uno dei fortunati che è riuscito ad uscire da Gaza per poter studiare, anche se, questo me lo ha confessato più volte, l’incertezza di non poter tornare o, una volta rientrato, di non poter più riuscire dal Paese lo tiene in un continuo stato d’angoscia. A Gaza ha lasciato la famiglia e gli amici di sempre. Averlo conosciuto è stato un vero privilegio per me, ho potuto ascoltare le sue storie, le sue esperienze e scrutare il suo animo. Così ho potuto capire che studiare i conflitti, le crisi umanitarie, leggere articoli, guardare i TG, non riuscirà mai a darci la misura umana delle tragedie alle quali ci approcciamo. Molte volte, durante le lunghe chiacchierate, avrei voluto dirgli “ti capisco Muhammed”, ma ovviamente sarebbe stata una bugia e perciò mi limitavo ad ascoltarlo, e più lo ascoltavo, più cresceva la profonda stima e sincera ammirazione nei confronti di un ragazzo che oggi ho l’onore di poter chiamare “Amico” . Così, un giorno, gli proposi di mettere per iscritto una delle storie che mi aveva raccontato, nella convinzione (condivisa) che una testimonianza diretta potesse avere la potenza necessaria per far conoscere a più gente possibile ciò che lui, ed il suo popolo, sono costretti a vivere da decenni. Lui ha acconsentito con entusiasmo, forse per una sorta di senso del dovere nei confronti di tutti i Palestinesi vittime di una tragedia perenne. Oggi leggendo queste sue parole non posso che esprimere tutta la mia gratitudine a Muhammed e onorare l’impegno di far conoscere le storie delle “persone normali” costrette a vivere la tragedia della guerra nella Striscia di Gaza.

Lorenzo Gagliano
Direttore Area Scientifica di I.Me.S.I.

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *