Le statistiche-chiave che rivelano la resilienza economica della Cina e il progetto di crescita globale lungo la Nuova Via della Seta cinese


Sharing is caring!

 


Nonostante la moderazione degli investimenti e il crescente protezionismo commerciale, l’economia cinese ha mantenuto un solido slancio di crescita, a detta dei maggiori funzionari e statistici economici. 

Nei primi quattro giorni della settimana di festa nazionale, che si è conclusa domenica, i consumatori cinesi hanno stabilito dei nuovi interessanti record nei dati giornalieri: oltre 100 milioni di persone si sono recate in viaggio in Cina e circa un milione di cinesi hanno fatto viaggi di piacere all’estero, registrando un’entrata del turismo di oltre 100 miliardi di yuan.

In una prospettiva più lunga, la spinta data dal consumo all’economia cinese è stata molto significativa. Nella prima metà dell’anno, ad esempio, esso ha contribuito al 78,5% dell’espansione economica del paese, in aumento di 14,2 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Per dirla più precisamente, da gennaio ad agosto, le vendite al dettaglio totali cinesi di beni di consumo hanno superato i 24 trilioni di yuan, con un consumo mensile di oltre tre trilioni di yuan per quattro mesi consecutivi. Nel frattempo, le vendite al dettaglio online del paese sono aumentate del 28,2% fino a 5,52 miliardi di yuan durante i primi otto mesi, mentre il botteghino estivo da giugno ad agosto è salito a 17,4 miliardi di yuan.

Dati più certi arrivano dal NBS (National Bureau of Statistics), dove Lu Shan, uno statistico senior membro dell’agenzia, ha affermato che il mercato cinese del consumo si sta espandendo costantemente e che anche la crescita degli investimenti in immobilizzazioni, altro motore principale dell’economia cinese, ha mostrato nuovi trend positivi.

Vi è un punto intorno al quale occorre, tuttavia, focalizzare maggior attenzione: nel complesso, l’investimento in titoli fissi della Cina da gennaio ad agosto, è cresciuto ad un ritmo più lento del 5,3 per cento, in calo di due punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Ma in un’analisi di ripartizione, le statistiche NBS hanno mostrato che il rallentamento è stato innescato principalmente dagli investimenti effettuati nel settore delle costruzioni. Gli investimenti privati, infatti, sono aumentati dell’8,7%, 3,4 punti percentuali in più rispetto alla media nazionale, mentre gli investimenti produttivi hanno continuato a salire per cinque mesi consecutivi.

Poiché il rallentamento degli investimenti nelle costruzioni è stato causato principalmente dalla carenza di capitali, il Ministero delle Finanze ha invitato i governi locali ad accelerare l’emissione di obbligazioni speciali di 1,35 miliardi di yuan per sostenere il finanziamento dei progetti in costruzione.

Il portavoce della NBS, Mao Shengyong, ha dichiarato che un certo numero di progetti di costruzione di infrastrutture che contribuiscono a migliorare le condizioni di vita delle persone e ad accrescere il potenziale per lo sviluppo economico, saranno presto avviate.

Per stabilizzare gli investimenti, la Cina voleva infatti canalizzare il capitale nei settori in cui era più necessario, come l’agricoltura, la riduzione della povertà e la protezione dell’ambiente. Per quanto riguarda le esportazioni, che rappresentano il terzo motore chiave della crescita economica della Cina, il paese è diventato significativamente meno vulnerabile alle incertezze esterne.

Le statistiche ufficiali mostrano che il grado di dipendenza dal commercio estero del paese, il rapporto tra la quantità totale di commercio estero e il prodotto interno lordo del paese (PIL), è sceso dal 64% nel 2000 al 33,5% nel 2017. Solo il 19% delle esportazioni cinesi è giunto negli Stati Uniti, sempre nel 2017. Le esportazioni cinesi da 250 miliardi di dollari soggette a dazi doganali più elevati imposti dagli Stati Uniti rappresentano meno del due per cento del PIL totale della Cina.

Long Guoqiang, vice direttore del Centro di ricerca sullo sviluppo del Consiglio di Stato, ha affermato che i rischi derivanti dalle frizioni commerciali con gli Stati Uniti sono “controllabili” sulle esportazioni complessive della Cina e sulla crescita economica del paese. Fu Ziying, vice ministro del commercio, ha avvalorato questa tesi, dichiarando che nonostante gli attriti commerciali, sono stati fatti progressi stabili nel commercio estero cinese: i prodotti cinesi sono stati finora esportati in 231 paesi e regioni. 

Cinque anni dopo che la Cina ha proposto l’iniziativa Belt and Road (B&R), meglio conosciuta come “Nuova Via della Seta” il commercio estero del paese con i paesi B&R ha superato i 5.5 trilioni di dollari USA.

Questo trend positivo è stato confermato anche da Zhongying Pang, presidente esecutivo del comitato accademico della Grandview Institution di Pechino, durante il convegno “Afghanistan and Central Asia: looming priorities and regional un-balances” tenutosi presso la NATO Defence College Foundation venerdì 4 ottobre, a Roma. 

Il professor Pang, che è anche docente di Relazioni Internazionali presso la Renmin University of China (Bejing), ha sottolineato l’importanza del mutamento degli equilibri in Asia Centrale prodotto proprio dalla Nuova Via della Seta cinese. Tra gli scenari prospettatisi in seguito all’avvicendarsi di “priorità incombenti” e di nuovi “squilibri regionali”, vi è stato, ad esempio, l’interesse cinese per la promozione e lo sviluppo economico in Afghanistan e nella regione centro – asiatica, con un focus particolare su India e Pakistan, già divenuti membri a pieno titolo della Shangai Cooperation Organization, (SCO), dopo il vertice di Astana del 2017. Questo tipo di attenzione avanzata dalla Cina nei confronti dei paesi limitrofi, se condurrà a risultati positivi e prossimi, potrebbe rappresentare un possibile fattore di stabilizzazione dell’area.

Quella che vorrebbe essere la Nuova Via della Seta cinese, rappresenta infatti una grande azione per la costruzione di una nuova comunità partecipe di un presente e di un futuro condiviso. Sarà innanzitutto una prova evidente degli sforzi della Cina finalizzati all’approfondimento delle riforme e all’espansione, e proseguirà poi con un’azione concreta volta al rafforzamento della cooperazione internazionale ed al miglioramento della governance globale. 

L’iniziativa presenta una scheda di risposta soddisfacente poiché è stata proposta cinque anni fa, a settembre 2013, ed aprendosi a tutti i paesi che condividevano la stessa aspirazione, ha guadagnato sempre più influenza e attrazione. Oggi oltre 130 paesi e organizzazioni internazionali hanno firmato accordi sulla cooperazione sulla Nuova Via della Seta con la Cina, ed il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha invitato la società internazionale ad intensificare la cooperazione economica regionale basata sulla co-costruzione della Belt and Road attraverso la risoluzione n. 2344 approvata dal Consiglio di Sicurezza.

Una serie di grandi progetti sono stati lanciati nei paesi e nelle regioni lungo il percorso nei cinque anni. Il corridoio economico Cina-Pakistan e il corridoio economico Cina-Mongolia-Russia, ad esempio, sono in costruzione. Il progetto ferroviario elettrificato che collega l’Etiopia senza sbocco sul mare a Gibuti e la ferrovia a scartamento normale Mombasa-Nairobi in Kenya hanno aperto al traffico, mentre la China-Laos Railway, la ferrovia ad alta velocità Cina-Tailandia, la linea ferroviaria Jakarta-Bandung e Belgrado -Basso ferroviario di Budapest ha iniziato la costruzione. Inoltre, il parco industriale Cina-Bielorussia, la zona economica speciale di Sihanoukville (SSEZ) in Cambogia e la zona di cooperazione economica e commerciale di Suez in Egitto si sono trasformati in modelli di cooperazione industriale tra paesi e regioni in rotta. Inoltre, i treni merci che collegano la Cina e l’Europa hanno effettuato oltre 10.000 viaggi per raggiungere 43 città in 15 paesi europei. La cooperazione vantaggiosa che potrebbe verificarsi per entrambe le parti, ha fornito al pubblico un senso di guadagno, poiché le opportunità offerte dalla Nuova Via della Seta hanno ampliato lo spazio di sviluppo delle imprese, creato più posti di lavoro per i cittadini ed esteso la loro capacità di consumo.

Tornando invece all’analisi dei dati, la Cina ha registrato un tasso di crescita del PIL del 6,8%, nel primo semestre del 2018, che è rimasto oscillante tra il 6,7% e il 6,9% per 12 trimestri consecutivi. Con oltre 10 milioni di nuovi posti di lavoro creati nei primi otto mesi, il paese ha visto un tasso di disoccupazione urbana del 5% relativamente basso. I prezzi al consumo sono rimasti miti durante lo stesso periodo con un tasso di crescita del 2%, mentre la riserva valutaria ha continuato a rimanere forte, registrando più di 3 trilioni di dollari USA alla fine di settembre.

Con tali solidi fondamentali economici, il governo cinese ha più spazio di manovra per facilitare la sua trasformazione economica per uno sviluppo di alta qualità.

Domenica scorsa, la Banca popolare cinese (PBOC) ha deciso di ridurre il coefficiente di riserva (RRR) per i depositi di RMB di un punto percentuale a partire dal 15 ottobre per ottimizzare la struttura di liquidità delle banche commerciali e del mercato finanziario e ridurre i costi di finanziamento.

La Banca ha dichiarato che attuerà continuamente una politica monetaria prudente e neutrale, astenendosi dall’utilizzare un diluvio di stimoli e concentrandosi su aggiustamenti mirati per mantenere una liquidità solida e sufficiente. Parte della liquidità scatenata verrà utilizzata per rimborsare i 450 miliardi di yuan della linea di credito a medio termine che maturerà il 15 ottobre. 

Inoltre, la liquidità di altri 750 miliardi di yuan sarà immessa sul mercato per sostenere le piccole e microimprese, le imprese private e le imprese innovative per migliorare la vitalità e la resilienza dell’economia cinese, rafforzare la dinamica di crescita endogena e promuovere lo sviluppo sano dell’economia reale.

Nelle ultime due settimane, anche il governo italiano ha approfondito le intenzioni di Pechino con due missioni ufficiali. Il Ministro dell’Economia, Giovanni Tria, ha propiziato degli accordi per Cassa depositi e prestiti, Fincantieri, Snam e Intesa San Paolo, mentre la Banca d’Italia ha accolto lo renminbi nel portafoglio di valute su cui investire. Il sottosegretario allo Sviluppo economico, Michele Geraci, ha guidato invece la seconda missione, dopo aver creato una task force ad hoc per i rapporti commerciali con la Cina. L’obiettivo è quello di attrarre più investimenti e non solo acquisizioni, con quello che ormai è diventato un vero e proprio colosso dell’economia mondiale.

Giulia Guastella

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *